Libri, Tv e Fotografia, così Steve Jobs rivoluziona Apple

Walter Isaacson, nella biografia di Steve Jobs

, morto lo scorso 5 ottobre per un cancro al pancreas, scrive che prima di passare a miglior vita, Steve Jobs, ha lasciato tre rivoluzioni nei campi tecnologici della Apple e non, insomma qualcosa che lasciasse il segno nella vita di ognuno di noi.

L’autore della biografia di Steve ha concesso un’intervista al New York Times e ha lasciato qualcosa di realmente interessante da raccontare. Steve Jobs, prima di morire, si è assicurato che la Apple abbia un futuro rivoluzionario, seguendo l’impronta di iPhone, iPad, iTunes , iCloud e compagnia, ma questa volta i campi interessati sono : fotografia, libri e TV.

Fotografia , Libri e Tv, tutte e tre le parole fanno pensare a qualcosa di Apple, la prima sicuramente alla fotocamere del nuovo dispositivo iPhone 4S, la seconda a iBook, e la terza alla Apple Tv. Ma Isaacson confessa che non ha voluto inserire, all’interno del libro, i segreti che l’ex amministratore delegato di Apple gli ha raccontato, non era giusto per la società e dunque cosa ci riserverà il futuro?

Si sa quasi sicuramente che la Apple Tv arriverà nel 2012, un dispositivo completamente realizzato da Apple e così si avrà la prima televisione interamente costruita dalla società di Cupertino; per i libri si può pensare che ben presto si avrà un iPad per ogni alunno e di conseguenza nessun libro fisico, ma solo e-book; per la fotografia non si conosce assolutamente nulla, quale novità ci sarà? O già c’è e non ce ne siamo accorti? Staremo a vedere.