Samsung indagata dall’Antitrust, non solo Apple nell’occhio del ciclone

Qualche settimana fa la Apple è stata multata dall’antitrust per via di una politica scorretta della garanzia e un informazione poca adatta per la clientela, questo ha comportato una sanzione di ben 900 mila euro

e l’adeguamento della garanzia dei prodotti che passa da un anno a due come previsto dal Codice del Consumo. A finire sotto inchiesta ora è anche la Samsung motivazione?  Andiamo a scoprirla insieme !

L’antitrust ha iniziato ad indagare sulla Samsung per via di abusi della propria posizione dominante e per quanto riguarda i brevetti sulle tecnologie degli smartphone, precisamente l’indagine riguarda dei brevetti sull’utilizzo della tecnologia 3G in Europa, che sono considerati dai coreani essenziali per realizzare smartphone di ultima generazione e che spesso hanno cercato di bloccare la produzione e la vendita dei dispositivi Apple in due diverse cause, poi perse.

 

L’associazione antitrust sta indagando su due punti : abuso di posizione dominante, e mancato rispetto degli impegni presi con la ETSI ( European Telecommunications Standards Institute). L’accordo è datato 1998, e obbliga Samsung a mettere a disposizione tramite una licenza alle aziende le tecnologie brevettate, in condizioni eque e non discriminanti. L’antitrust ha bisogno ora di capire se la società sudcoreana ha utilizzato la licenza di questi brevetti a proprio favore per controllare la concorrenza e assicurarsi una posizione di leadership sul mercato.

 

Al momento queste sono le uniche informazioni a disposizione e messe in circolo dalla stampa, attendiamo nuove notizie da parte di Samsung o da parte dell’Antitrust, sicuramente si verrà a sapere presto cosa sarà scoperto dalle indagini.