iPhone impermeabile, interesse per la tecnologia WaterBlock

Quante volte vi sarà capitato, o almeno avete rischiato di far cadere il vostro iPhone in acqua, o di averlo bagnato e di conseguenza qualcosa non è andata più bene. I dispositivi tecnologici sono molto fragili e spesso è bene curarli e stare attenti, qualche volta preferiamo anche farne a meno… soprattutto al mare.

Beh grazie all’uomo esistono tecnologie che possono resistere a qualsiasi tipo di liquido, a meno che non si tratti di acido, il nome in codice di tutto ciò è “WaterBlock”. Come suggerisce il nome, “blocco acqua”, i liquidi non penetrano e di conseguenza il dispositivo diventa impermeabile e resistente.

Al CES 2012 di Las Vegas nel pubblico c’erano alcuni dipendenti di Apple che sono apparsi molto interessati a questo tipo di tecnologia e così pare che da Cupertino abbiano contattato i produttori per accaparrarsela! L’azienda californiana sta cercando di capire se è possibile equipaggiare i futuri dispositivi con questo sistema, che in pratica consiste in un rivestimento trasparente da applicare ai vari componenti degli iPhone

(invisibile agli occhi dei consumatori), dunque un’operazione da fare in fase di produzione dei prodotti e non successivamente.

Una soluzione molto simile è stata presentata da un’altra società che si chiama ‘Liquipel’, il rivestimento in questo caso riguardava la parte esterna del dispositivo e non interna come quella proposta al Consumer Electronic Show 2012 di Las Vegas. Attendiamo notizie riguardo l’applicazione del WaterBlock, sicuramente avere un iPhone resistente all’acqua sarà molto vantaggioso per la mela, la quale potrà distaccare i concorrenti.