iPhone un compagno per l’FBI

iPhone è un dispositivo che ha rivoluzionato il mondo, la socità di Cupertino è riuscita a creare, grazie anche al grande Steve Jobs

, un qualcosa che si adatta perfettamente a tutto, ed anche se apparentemente è complicato tutto diventa poi più semplice. Dopo aver visto la possibilità di utilizzare i dispositivi della Apple nel settore economico o nelle compagnie aeree e negli aeroporti, possiamo dire che iPhone è un ottimo partner per la polizia.

Una notizia riporta che iPhone è divenuto parte integrante dell’FBI ( c’è anche un’applicazione pensata proprio per segnalare rapimenti direttamente con le forze di polizia americane). Cult of Mac è il sito che rivela la collaborazione che è nata tra iPhone e FBI, che a quanto pare alcune società  hanno messo a punto uno scanner che prende il nome di MobileOne in grado di prendere le impronte digitali e confrontarle con un database.

La scansione delle impronte digitali tramite iPhone è una soluzione molto veloce per scoprire anche a chi appartengono, infatti questo scanner integrato nel melafonino sarà in grado di confrontare le impronte digitali di un sospetto con l’archvio del FBI, il tutto rapidamente.

Fulcrum Biometrics ha realizzato quest’accessorio che si integra perfettamente ad iPhone ha un prezzo di circa 600 dollari, un costo alla portata di tutti i dipartimenti di polizia degli Stati Uniti d’America. Un nuovo partner per la sicurezza delle persone, iPhone si rivela dunque molto funzionale e utile in molti casi, speriamo sia una lunga collaborazione quella tra Apple e l’FBI, sicuramente quest’alleanza gioverà entrambi.

Quando in Italia si vedrà una cosa del genere?