4

Set

iCloud, scopriamo cos’è

Si è molto parlato dell’introduzione di un nuovo servizio da parte di Apple, un qualcosa che dovrebbe rivoluzionare i dispositivi smartphone, il suo nome è iCloud.

Che cos’è? a cosa serve? e quanto costa? Queste sono le domande che gli utenti di Apple si pongono quando sentono parlare di iCloud, il sistema di storage online pensato da Apple per promuovere una nuova serie di servizi.

iCloud dunque è un database online dove vengono registrati i dati del nostro dispositivo, e automaticamente vengono replicati in tutti quelli che sono connessi ad iCloud. Dunque non sarà una vera e propria sostituzione di memoria, bensì un supporto per trasferire i file molto più velocemente.

Il servizio dela ‘nuvola’ salva anche le impostazioni utilizzate per i programmi del nostro iPhone, iPod touch e iPad.

Il Costo? Il servizio è gratuito per uno spazio fino a 5GB , per coloro che esigono più spazio potranno pagare 20 euro per avere a disposizione un totale di 15 GB, se nemmeno questo basterà si potrà pagare  40 euro avere 25 GB di spazio e 100 euro per 55 GB!

Un servizio che può tornare utile per coloro che vogliono trasferire i dati più velocemente tra un dispositivo all’altro, senza la necessità di nessun cavo, semplicemente utilizzando una connessione ad internet e iCloud.

Questa tecnologia sarà introdotta da Apple con l’avvento delliOS 5, sicuramente apporterà ai dispositivi quel qualcosa in più che manca agli attuali smartphone e alle aziende concorrenti.

iCloud andrà dunque a sostituire il servizio, ormai obsoleto di MobileMe. Cosa ne pensate? vi serve realmente iCloud? nel caso potrete sempre sfruttare i 5 GB messi a disposizione gratuitamente dalla società di Cupertino.

  • Luca
    4 settembre, 2011, 13:44

    Non vedo l’ora fo scoprirlo!!! W Apple!! E w iPhone!!

  • alex
    11 ottobre, 2011, 12:07

    mah!! nulla di rivoluzionario e comunque ci vuole sempre una connessione internet diversa da quella dei cellulare, troppo lenta e spesso troppo limitata, ad oggi con computer che hanno hard disk dai 320Gb ad un TB non so a quanto possa servire e per trasferire i file è molto più comoda una chiavetta usb, inoltre non è chiaro se il servizio dia fruibile anche su computer multi-piattaforma, almeno per il recupero dei dati, se così non fosse la sua utilità è decisamente limitata dato che nel mondo professionale si usa spesso windows.

Scrivi un commento