Apple potrebbe aprire un centro di ricerca in Israele

La società di Cupertino ha intenzione di espandersi in tutto il mondo, l’azienda leader nel settore degli smartphone e dei tablet, possiamo dire anche dei computer, è intenzionata ad aprire un nuovo centro di ricerca ad Israele, lo comunica Calcalist , un giornale locale israeliano che riporta la notizia della possibilità di aprire, entro la fine del prossimo mese, un centro di ricerca e sviluppo nel paese.

Questa fonte che ha comunicato questa possibilità, pare abbia dei rapporti con gli esperti del settore e di conseguenza è abbastanza attendibile, viene comunicato inoltre che Apple sta leggendo e colloquiando varie persone scegliendoli tra i vari curriculum presentati, precisamente la mela cerca esperti nella realizzazione di processori che poi saranno usati nei futuri dispositivi.

 

Le varie indiscrezioni riportano che questo nuovo centro di ricerca avrà il compito di creare e analizzare i vari chip di Apple, curandone il design e la parte tecnica, e cercando di creare dispositivi a basso consumo energetico. Questa apertura del centro non è legata all’acquisizione di Anobit

, comunicata l’altro giorno anche da Tim Cook, amministratore delegato della società di Cupertino, tutt’altro… si parla di una nuova struttura .

L’apertura di questo centro è prevista per la fine del prossimo mese, la località dove dovrebbe aprire questa dislocazione di Apple è ad 80 km da Haifa, precisamente nella città di Herzliya, dove sorge proprio Anobit. La fonte però assicura che non ha nulla a che fare con la società produttrice di hard disk e memorie flash ad alta qualità. Attendiamo e vediamo se si tratta di verità o solamente voci senza fondamento.