4

Feb

iPhone 5S: come personalizzare il Touch ID tramite BioLockdown

iPhone 5S: come personalizzare il Touch ID tramite BioLockdown

Come molti di voi già sapranno, da qualche settimana il Jailbreak del sistema operativo iOS 7 è realtà anche sull’iPhone 5S, e in poco tempo si sono moltiplicate le applicazioni di Cydia che permettono di personalizzare a dovere il melafonino di ultima generazione.

Una delle migliori è senza dubbio BioLockdown, tweak che ci permette di aumentare la sicurezza del nostro iPhone 5S grazie ad una maggiore personalizzazione del lettore di impronte digitali Touch ID. Apple al momento permette di sfruttare il sensore biometrico soltanto per sbloccare il telefono e autorizzare l’acquisto delle applicazioni dell’App Store, ma con questo tweak possiamo ampliare le possibilità d’utilizzo. Vediamo assieme come fare in questa guida passo passo!

BioLockdown è sviluppato da Ryan Petrich, programmatore che in passato ha realizzato diversi tweak interessanti per l’iPhone. Per procedere con il download e l’installazione del programma, dobbiamo fare tap sull’icona del marketplace alternativo Cydia, cercare “BioLockdown” ed effettuare l’acquisto del tweak (prezzo 1.99 dollari).

Come già anticipato poco sopra, tramite BioLockdown possiamo attivare determinate restrizioni sull’iPhone 5S, ad esempio impedire lo spegnimento del cellulare, l’attivazione della modalità d’uso Aereo, l’avvio dell’applicazione Mail, l’apertura della galleria immagini, e così via. Se il tweak è installato sull’iPhone 5S, di default il sistema di protezione è il Touch ID. Se invece stiamo utilizzando un altro modello di iPhone, allora la protezione avviene tramite password.

Utilizzare il tweak è fortunatamente più semplice di quel che si possa pensare. Una volta installato, ci basta aprire la schermata delle Impostazioni generali e fare tap sulla voce “BioLockdown”. Una volta caricata la nuova schermata, premiamo il tasto “New Restriction” per creare una nuova restrizione.

Le restrizioni sono comodamente suddivise in quattro categorie: Switches (tutti gli interruttori delle opzioni, come ad esempio il Wifi, la rete 4G LTE, eccetera..), Apps (tutte le applicazioni installate nell’iPhone, sia quelle ufficiali dell’App Store che quelle di Cydia), Settings Panes (le opzioni presenti nelle Impostazioni del telefono), Featured (funzioni come Siri o lo spegnimento dell’iPhone).

Una volte selezionate le restrizioni che più ci interessano, non ci resta altro da fare che creare una password di protezione e scegliere l’impronta digitale da utilizzare per lo sblocco tramite Touch ID. E’ stato più semplice del previsto, non è vero? Chissà se in futuro una cosa del genere verrà implementata nativamente in iOS dalla stessa Apple..

Scrivi un commento