17

Dic

iPhone 5S: il sensore Touch ID ha dei problemi, possibili soluzioni

iPhone 5S: il sensore Touch ID può avere dei problemi, possibili soluzioni

Le vendite del nuovo iPhone 5S stanno procedendo senza troppi intoppi. E’ vero, all’inizio ci sono stati dei problemi di produzione che ne hanno limitato la disponibilità sul mercato mondiale, ma ora la situazione sembra essersi stabilizzata.

Apple può stare tranquilla? Pare di no, visto che a pochi mesi dal lancio diversi utenti hanno iniziato a segnalare sul web dei malfunzionamenti riguardo il lettore di impronte digitali Touch ID. In pratica, il sensore biometrico dopo alcune settimane di utilizzo sembra essere meno preciso e serve più tempo per il riconoscimento corretto dell’impronta digitale dell’utente principale. Si tratta di un problema risolvibile tramite un aggiornamento del firmware? Oppure è un problema più grave, legato forse ad un difetto hardware del telefono?

I fan di Apple con buona memoria sicuramente si ricorderanno che ogni lancio di un nuovo iPhone è stato accompagnato da qualche problema: i primi iPhone 3G e iPhone 3GS avevano una scocca di plastica di scarsa qualità che presentava delle crepe dopo poche settimane d’utilizzo.

Che dire dell’iPhone 4, diventato famoso per il problema dell’AntennaGate, con tanto di insulti verso Steve Jobs il quale aveva difeso la sua creatura dicendo che “siete voi che sbagliate ad impugnarlo, l’iPhone 4 non ha alcun problema“. Lo scomparso CEO di Apple dovette poi ricredersi, effettivamente qualcosa non funzionava con l’antenna del telefono, e il problema ci fu ancora (seppur in maniera più lieve) con il successivo iPhone 4S. Anche l’iPhone 5 è stato al centro di diverse lamentele, dato che la cornice metallica del telefono si graffiava fin troppo facilmente, come se fosse di burro.

Per quanto riguarda l’iPhone 5S, sul forum ufficiale di supporto della compagnia statunitense si sono moltiplicate le segnalazioni di problemi di funzionamento del lettore di impronte digitali Touch ID. Per funzionare, funziona.. ma dopo alcune settimane di utilizzo diventa molto meno preciso e spesso ci sono errori di riconoscimento. Dal momento che stiamo parlando di una funzione presente in un telefono che costa come minimo 729 euro, possiamo comprendere quanto siano arrabbiati gli utenti.

In Rete sono state pubblicate alcune possibili soluzioni non ufficiali: provare a pulire il vetro zaffiro che ricopre il lettore di impronte digitali, oppure controllare che le dita non siano screpolate a causa del freddo. Al momento Apple non ha commentato la notizia, e difficilmente arriverà un commento ufficiale nelle prossime settimane, dato che ci troviamo nel pieno della stagione natalizia.

Scrivi un commento