16

Dic

iOS 7: come usare il servizio Trova il mio iPhone in caso di furto

iOS 7: come usare il servizio Trova il mio iPhone in caso di furto

Dal momento che l’iPhone è un telefono tutt’altro che economico, perderlo è un vero e proprio dramma, ma fortunatamente nelle ultime versioni di iOS è stato inserito un comodo servizio gratuito che permette di localizzare tramite GPS o Wifi il melafonino smarrito o rubato.

Sia chiaro, in caso di smarrimento utilizzare il servizio “Trova il mio iPhone” può portare a dei buoni risultati, mentre lo stesso discorso purtroppo non vale se qualcuno ci ha rubato l’iPhone, dal momento che i ladri come prima cosa spengono il telefono rubato e rimuovono la SIM card, evitando così di essere localizzati dall’ex proprietario. Ma come si dice.. tentar non nuoce. Stiamo parlando di un cellulare che costa come minimo 700 euro, quindi è bene fare il possibile prima di gettare la spugna.

In iOS 7, il servizio “Trova il mio iPhone” è stato integrato all’interno del sistema operativo in maniera perfetta, e influisce davvero poco sulle prestazioni. Ci teniamo poi a sottolineare che il servizio è strettamente collegato con iCloud, pertanto possiamo controllare la posizione del nostro iPhone non solo dal PC, ma anche dall’iPad o da un altro iPhone, a patto ovviamente di utilizzare lo stesso account Apple ID del telefono smarrito.

Come prima cosa, assicuriamoci che il servizio “Trova il mio iPhone” sia attivo. E’ sufficiente fare tap sull’icona delle Impostazioni del telefono, scegliere la voce “iCloud” e spostare su ON l’opzione “Trova il mio iPhone”. Importante: il servizio funziona soltanto se è attivo iCloud, altrimenti non ci sarà modo di attivarlo in alcun modo.

Non appena “Trova il mio iPhone” è attivo, possiamo utilizzarlo per individuare, bloccare o addirittura cancellare i dati dell’iPhone in remoto. Come se non bastasse, il servizio integrato di iOS 7 permette di bloccare il telefono anche se è stato effettuato un ripristino, rendendolo quindi inutilizzabile se non conoscendo la password personale (configurabile dalle Impostazioni di iCloud).

Ok, ora ipotizziamo di aver perso l’iPhone (con attivo il servizio). Come facciamo per scoprire la sua ultima posizione? Ci basta aprire il sito di iCloud

dal PC (ma anche dall’iPad o qualsiasi altro dispositivo elettronico), inserire le credenziali d’accesso allo stesso account dell’iPhone e attendere il caricamento della mappa della zona dove si potrebbe trovare il melafonino. In caso di esito positivo, potremo gestire l’iPhone da remoto tramite le opzioni “Emetti suono”, “Modalità smarrito” oppure “Inizializza l’iPhone”. Quest’ultima è da usare come ultima spiaggia, visto che blocca il telefono e cancella l’intera memoria.

Scrivi un commento