Nuovi Mac blindati da password

Fino a qualche anno fa effettuare un reset della password EFI sembrava un gioco da ragazzi, bastava qualche piccolo trucchetto e il gioco era fatto. Dal 2011 la situazione è cambiata e tutti i Mac commercializzati dalla Apple, integrano dei meccanismi di sicurezza molto più sofisticati che in passato.

Ai giorni nostri per effettuare il reset della password EFI è necessario richiedere l’assistenza del supporto tecnico Apple. Quindi dopo che avrete impostato una password per il firmware del vostro dispositivo, non avrete più la possibilità di modificare le opzioni di boot del sistema, effettuare il reset della PRAM o avviare il pc in Safe Mode senza avere a portata di mano la password.

Gli smanettoni in ogni caso non temono questa novità, visto che con un poco di pazienza, si può ottenere l’accesso, magari andando ad alterare la configurazione hardware per consentire la reimpostazione della password.

Ovviamente il lavoro da fare è molteplice, perché Apple fino a tempo fa non faceva altro che offuscare tale password, conservandola segretamente all’interno della PRAM. Nei nuovi dispositivi tale password viene invece gestita da un piccolo chip Atmel, integrato all’interno della scheda logica, quindi per i meno esperti è davvero impossibile recuperarla se non con l’utilizzo dell’assistenza Apple.

Sarà una nuova tattica da parte di Apple per riuscire a convincere gli utenti che l’assistenza per loro e vitale e che di conseguenza, sarà necessario attivare dopo l’anno, l’assistenza a pagamento (criticata da molti) per riuscire a scoprire qual è la password EFI del proprio Mac?

Che cosa ne pensate di questo blocco? Secondo voi l’azienda di Cupertino sta facendo apposta, per evitare il peggio oppure per offrire una maggiore sicurezza ai suoi utenti? A voi i commenti cari lettori!