9

Nov

Brevetti Apple svelati su internet

Apple è un’azienda in continua evoluzione che ama vivere al meglio ogni giorno, realizzando nuovi progetti informatici. Nelle ultime ore sul web è apparsa una notizia davvero interessante che riguarda i dispositivi dell’azienda di Cupertino.

Infatti, U.S Patent and Trademark Office ha assicurato un paio di brevetti davvero interessanti che permetteranno di cambiare il design dei MacBook del futuro. L’idea è quella di creare un logo luminoso nella scocca che da spento risulterà invisibile ma allo stesso tempo permetterà di disspirare tutto il calore prodotto dalla CPU.

L’idea è quella di integrare una pompa a vento ionico, ecco il brevetto numero 8.303.151 intitolato “illuminazione da Micro perforazione”, Apple ha già intenzione di produrre tantissime piccole pompe a vento ionico invisibili ma capaci di offrire migliori prestazioni a pc. Questo concetto potrebbe essere integrato anche su mouse e a tutti i dispositivi mobili.

Apple ha finalmente capito che l’estetica conta ma che se gli elementi visivi sono troppi e non trasmettono molta luce, possono non essere apprezzati dalla maggior parte del pubblico. Il documento pubblicato sul web fa riferimento alle mela luminosa ovviamente ma non vengono forniti maggiori dettagli.

Altre testate web famose e che forniscono informazioni sempre veritiere come TechCrunch, parlando addirittura di interfaccia touch che spariscono dopo l’uso. L’azienda di Cupertino ha già pensato da diverso tempo a questa soluzione ma per il momento il brevetto ha lo scopo di modificare il logo e nient’altro.

Si parla poi di un secondo brevetto che parla di un innovativo sistema di raffreddamento con flusso d’aria ionizzata controllato da campi elettromagnetici dinamicamente modulati, si tratterà di una novità assoluta per Apple ma non nel mondo tecnologico visto che altre aziende hanno programmato simili progetti.

L’obiettivo è quello di creare un campo elettrico capace di ionizzare le particelle d’aria e di imprimere loro una carica elettrica da poterle spostare a proprio piacimento dove è maggiormente necessario, una tecnologia che occupa poco spazio e che potrà essere integrata su iPhone o iPod.

Scrivi un commento