Apple contro la pirateria

Apple contro la Cina e la pirateria, questo è il riassunto di quello che state per leggere. La società di Cupertino ha deciso di scendere in campo e combattere la pirateria , soprattutto quella cinese… in realtà Apple combatte i dispositivi cinesi già da qualche anno, a rivelarlo è Wikileaks, che nei giorni scorsi ha pubblicato alcun documenti della mela.

In Cina, Apple, sta combattendo una vera e propria guerra contro la pirateria e la scoperta degli Apple Store fasulli è solo un punto di partenza di un sistema ancor più grande. E’ dal 2008 che la società di Cupertino, insieme ad un team di sicurezza capitanato da un ex agente dell’FBI, cerca di sopprimere l’illegalita in cui è avvolto il territorio cinese.

La società della mela si è prefissata come obbiettivo l’annullamento delle produzioni di dispositivi , all’apparenza molto simili ai melafonini ed ai tablet pc, ma che in realtà sono solo delle copie illegali vendute a prezzi bassissimi .

Wikileaks rivela la strategia adottata da Apple per quanto riguarda questa guerra, La società di Cupertino, stando a quanto riportato nei documenti, utilizza azioni forzate, invadendo letteralmente i negozi e i venditori ambulanti, controllando anche le fabbriche e cercando di capire chi è a capo di questo sistema illegale che ha reso la vita difficile alla mela in Oriente… e non solo.

Come andrà a finire questa guerra, Apple riuscirà a scoprire chi ordina la contraffazione dei suoi dispositivi? Intanto al momento dovrà lottare con il clone del suo futuro dispositivo : HiPhone 5, il gemello cattivo di iPhone 5.