Tim Cook fa il buon condottiero e parla di diritti di lavoratori

L’amministratore delegato  di Apple, Tim Cook

, fa bene il suo lavoro e anche qualche altro. Dopo che sul New York Times è stato pubblicato un articolo che riportavano le condizioni di lavoro di alcuni stabilimenti di Foxconn, produttore numero uno degli iPhone di Cupertino in Cina, il CEO dell’azienda californiana ha inviato una mail a tutti i dipendenti per far capire qual era la posizione della mela nella situazione di lavoro nei paesi dell’Est.

Tim Cook, nella mail che ha inviato parla di valori e diritti di  ogni singolo dipendente, valori che sono messi in dubbio da qualcuno all’esterno dell’azienda e così, l’amministratore delegato ha voluto sottolineare di come Apple si prende cura di ogni suo dipendente e di chi , in qualche modo è legato alla società ( ad esempio Foxconn).

I valori di Apple sono molto diversi, ogni anno vengono ispezionate e si chiede a questi partner di migliorare le condizioni di lavoro di ogni dipendente in modo da adattarli alle policy mondiali dei lavoratori. Qualche giorno fa furono pubblicate le società che collaboravano con la mela e le condizioni di lavoro che erano state migliorate, una specie di prima e dopo Apple. Tuttavia, come disse anche Cook al tempo, il lavoro da fare è ancora molto e la società di Cupertino si sta impegnando in questo campo.

L’obiettivo è quello di istruire i lavoratori e far rispettare i loro diritti, per fargli sapere quando e come possono protestare quando qualche cosa non va più bene, in breve ecco cosa diceva il CEO Apple nella sua mail ai dipendenti.