iPhone viene bloccato in Argentina

iPhone viene bloccato in Argentina

Notizia al quanto ambigua che lascia un po’ perplessi tutti quella che arriva oggi, infatti sembrerebbe che il governo argentino sia pronto ad adottare nuove politiche protezionistiche volte a bloccare il surplus commerciale, e per cercare di risolvere il problema dell’inflazione si vede costretto a prendere delle decisioni importanti.

E’ arrivato il momento di stabilizzare il rapporto peso/dollaro e l’Argentina per risolvere il problema che cosa decide di fare? Bloccare le vendite di alcuni dispositivi tecnologici tra chi anche l’iPhone

. Ovviamente dietro a questa scelta si nasconde anche una motivazione reale (almeno secondo il governo).

Il blocco delle vendite iPhone si vede necessario a causa della mancanza del certificato di origine di Apple. Infatti, l’azienda della mela morsicata per riuscire a vendere dei dispositivi in loco dovrà riuscire ad ottenere una licenza. Apple si trova in un bel guaio? Pensare che la concorrenza ha risolto facilmente il problema, realizzando fabbriche nel paese sudamericano.

L’azienda RIM famosa per la produzione di Blackberry, sembra seriamente intenzionata ha trovare una soluzione del genere, mentre Apple che ritiene l’Argentina un mercato secondario, dove iPhone non ha mai dati grandi risultati sembra “fregarsene” della situazione e accettare il blocco delle vendite.

Che cosa ne pensate di questa soluzione? Vi sembra corretto da parte dell’Argentina costringere delle aziende ad aprire delle fabbriche sul territorio argentino per ottenere il certificato? Insomma se tutti gli Stati fossero tutti così “crudeli” il mercato telefonico globale andrebbe ben presto con le gambe in aria.

Vi sembra logico? Dite la vostra in merito alla news del momento