17

Ott

Come bloccare l’iPhone smarrito o rubato tramite codice IMEI

Come bloccare l'iPhone smarrito o rubato tramite codice IMEI

Oh no che disastro! L’iPhone non c’è più! Eravamo convinti di averlo messo nella tasca dei pantaloni, e invece.. è scomparso. Forse l’abbiamo perso quando abbiamo corso in stazione per non perdere il treno, oppure qualche ladro ha approfittato di un nostro attimo di disattenzione per rubarcelo.

In entrambi i casi, non si tratta certo di una bella esperienza, anche perchè il danno non è soltanto economico (tutti sappiamo quanto sia costoso l’iPhone), ma anche personale. Mentre in passato perdere un cellulare significava perdere soltanto la rubrica e qualche SMS, oggi come oggi perdere l’iPhone o qualsiasi altro smartphone equivale a lasciare in mano a gente estranea moltissime informazioni personali. Si tratta di una cosa da evitare assolutamente.

Fortunatamente, in caso di furto o smarrimento abbiamo la possibilità di bloccare in remoto l’iPhone attraverso il suo codice IMEI. In questa maniera, renderemo il telefono inutilizzabile per quanto riguarda le telefonate e i messaggi SMS e MMS. Per chi non lo sapesse, il codice IMEI è unico per ogni cellulare ed è composto da 15 cifre. In questo tutorial, vediamo come procedere al blocco dell’iPhone utilizzando proprio il codice IMEI.

Come prima cosa, dobbiamo essere in possesso del codice IMEI. Consigliamo di scriverlo in grande con un pennarello indelebile sulla scatola del telefono o su un foglio di carta, così lo avremo sempre a disposizione. Ma nel caso non troviamo più il codice (magari la scatola è stata buttata via per sbaglio..), non ci dobbiamo affatto disperare. Possiamo infatti risalire al codice IMEI del melafonino utilizzando il software iTunes.

Avviamo il programma iTunes, facciamo clic sul menu Modifica, scegliamo la voce Preferenze, clicchiamo sulla scheda Dispositivi e spostiamo il cursore del mouse sul nostro ex iPhone. In un attimo comparirà un riquadro riassuntivo di tutte le informazioni più importanti del device, come il numero di telefono associato, il numero di serie e il codice IMEI.

Perfetto, ci siamo quasi! Adesso andiamo dai Carabinieri (o dalla Polizia Postale) per sporgere denuncia di furto o smarrimento. Una volta compilati tutti i moduli richiesti, rechiamoci in un punto vendita del nostro operatore (TIM, Vodafone, Wind, Tre, ecc..) e chiediamo di bloccare il telefono tramite IMEI. In alternativa, possiamo fare il tutto da casa, inviando via fax (il numero lo trovato sul sito ufficiale dell’operatore) il modulo di richiesta di blocco tramite IMEI, la fotocopia della denuncia e di un documento d’identità in corso di validità.

  • Roberto cocchi
    23 ottobre, 2013, 23:52

    Perché’ quando metto delle note mi si cancellano e mi viene spedita una mail

Scrivi un commento